«I neri sono meno intelligenti»: bufera su James Watson, premio Nobel per il Dna

di redazione

«I neri sono meno intelligenti»: bufera su James Watson, premio Nobel per il Dna

| martedì 15 Gennaio 2019 - 16:08

Condividi su:

Facebook Twitter
«I neri sono meno intelligenti»: bufera su James Watson, premio Nobel per il Dna

Vorremmo poter salvare la fulgida bellezza della doppia elica dalla spirale di autodistruzione in cui è caduto chi l’ha scoperta. Ci piacerebbe liquidare l’ultimo scandalo come un incidente o come un’imboscata mediatica, tesa a un uomo anziano e malato.

Ma la triste verità è che nemmeno gli ammiratori più ferventi di James Watson sono riusciti ad abbozzare una linea di difesa dopo che lo scienziato ha ribadito davanti alle telecamere di ritenere che i neri siano geneticamente meno intelligenti dei bianchi.

Il documentario che lo ha messo definitivamente nei guai, spingendo il laboratorio di Cold Spring Harbor a chiudere ogni rapporto, si intitola «Decoding Watson». Sarà in vendita su Amazon a febbraio, ma i resoconti di chi lo ha visto non sembrano lasciare spazio ai dubbi.

Quando gli chiedono se abbia cambiato idea sul legame tra intelligenza e razza, dopo le avventate dichiarazioni del 2007, il premio Nobel risponde prontamente di no. Dice che gli piacerebbe credere che le influenze ambientali contino più delle differenze biologiche, ma il divario di prestazioni intellettuali tra bianchi e neri ha basi genetiche.

Watson tentenna un attimo prima di chiudere la frase, forse soppesa le conseguenze, ma non si tira indietro. Ripropone le vecchie tesi, senza aggiungere nulla di nuovo. Chissà se Jim l’onesto (gli piace definirsi così) ha letto il lavoro di quell’altro Jim che di cognome fa Flynn. Analizzando i punteggi del QI in giro per il mondo, questo studioso neozelandese ha scoperto che i valori sono andati crescendo col passare del tempo.

Segno che lo sviluppo sociale ed economico può liberare il potenziale cognitivo delle persone e delle popolazioni. Certo, la genetica dell’intelligenza è complessa e ancora in buona parte da decifrare. Ora sappiamo anche che tra il Dna e l’ambiente c’è spazio per un’altra forza, che viene chiamata epigenetica. Ma il mistero più grande forse è umano più che scientifico.

Com’è possibile che il gusto per le provocazioni politicamente scorrette possa far deragliare una mente brillante come quella di Watson? Le tante sparate che ha collezionato nel corso degli anni suggeriscono che la risposta non sia da cercare soltanto nella vecchiaia. La speranza adesso è che la voglia di contrastare certi pregiudizi possa andare oltre le colpe di Watson, perché il razzismo è un problema ben più diffuso. E che le critiche all’uomo non facciano dimenticare i meriti dello scienziato che è stato. Da IlCorriereDellaSera.it

Loading...
HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati