Fabrizio Corona svela i segreti di Ilary Blasi: “Ecco com’è diventata famosa”

di redazione

Fabrizio Corona svela i segreti di Ilary Blasi: “Ecco com’è diventata famosa”

| domenica 27 Gennaio 2019 - 10:16

Condividi su:

Facebook Twitter
Fabrizio Corona svela i segreti di Ilary Blasi: “Ecco com’è diventata famosa”

Il 22 gennaio è uscito l’ultimo libro di Fabrizio Corona, dal titolo ‘Non mi avete fatto niente’. L’ex re dei paparazzi ha cercato di raccontare tutta la sua vita, ma, a quanto pare, anche quella di qualche altro personaggio famoso. Uno di questi è proprio Ilary Blasi, la stessa con la quale ha avuto un duro scontro durante una puntata del Grande Fratello Vip, e su di lei sceglie di dire tutta la verità, o almeno quella che lui ritiene essere tale.

Fabrizio Corona aveva già annunciato, fin dai tempi della lite con Ilary Blasi al Grande Fratello Vip, di avere una sua verità da raccontare. La moglie di Francesco Totti non si è fatta di certo intimidire, ma adesso quel fatidico momento è arrivato.

L’ex re dei paparazzi, durante la discussione in diretta che ha fatto con la sua adorata “caciottara” ha esclamato: “Ricordati cosa facevi tu a 16 anni, ricordati da dove vieni. Non è perché hai sposato un calciatore e sei lì pensi di essere migliore degli altri”. Queste parole hanno fatto molto riflettere i telespettatori, che non hanno fatto altro che chiedersi cosa intendesse dire.

Finalmente, nella sua autobiografia ‘Non mi avete fatto niente’Corona svela la sua verità in merito alla vita ‘adolescenziale’ di Ilary. Si legge: “Lei era minorenne quando è entrata per la prima volta nel mio ufficio. Ricordo quel giorno, si fa avanti una signora e mi dice: ‘Mi fija vò diventà famosa, si chiama Ilary’. Ilary era bella, naturale, non rifatta, al contrario di molte altre ragazze e quella era la sua forza. Mi lascia il suo book e io le rispondo che le avremmo fatto sapere”. Nel periodo a cui fa riferimento, Fabrizio era il braccio destra di Lele Mora e con lui sceglieva le soubrette che avrebbero potuto o meno presentarsi ai provini per entrare nel mondo dello spettacolo. 

Corona prosegue: “L’occasione si presentò con i provini di un nuovo quiz, Passaparola. Secondo Lele lei era perfetta per fare la letterina. Così la chiamiamo per chiederle se vuole fare il provino e lei (che era appena diventata maggiorenne) accetta subito”. Fin qui, nulla di così sconvolgente, d’altronde se si vuole entrare a far parte di quel mondo, da qualche parte si deve pure iniziare. Le rivelazioni che lasciano a bocca aperta e che forse non sarebbero dovute essere rese pubbliche devono ancora arrivare.

Fabrizio Corona, non si sa per quale arcano motivo, considerando che sta parlando della sua autobiografia, decide di parlare anche degli esordi di Ilary Blasi. Che significa quel “ricordati cosa facevi a 16 anni”urlato in diretta Tv? Eccovi accontentati. Nel libro ‘Non mi avete fatto niente’ si legge: “Lei viene a Milano e inizia a frequentare il mio giro. La prima sera che usciamo ha una storia di sesso con un mio caro amico. Lui però è un farfallone, non promette storie serie e allora in pochi giorni Ilary si innamora di un altro mio amico, Sean Brocca, uno dei ragazzi più belli di Milano. Ilary poi passa il provino per Passaparola e diventa una delle famose letterine. Proprio in quel periodo conosce Francesco Totti, ai tempi detto ‘Er Pupone’. Si conoscono ad una serata a casa di amici…”.

Insomma, quella frase urlata durante la lite al GF Vip, Corona non voleva altro che intendere che, in età adolescenziale, la Blasi ha avuto delle storielle con due suoi amici. Ma è serio quest’uomo? Questo ‘scoop’ dell’anno potrebbe sconvolgere qualcuno? Non credo, o almeno me lo auguro. L’unico dato che lascia perplessi è il fatto che in una autobiografia si parli della vita di altri, non familiari o amici, ma conoscenti. La Blasi avrà qualche reazione? Nell’immediato sicuramente no, ma al prossimo incontro/scontro potrebbe anche andare in scena uno show simile a quello che abbiamo già visto. Da Msn.Com

Loading...
HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati