Durissimo scontro Salvini-Luxuria: volano parole grosse

di redazione

Durissimo scontro Salvini-Luxuria: volano parole grosse

| mercoledì 10 Aprile 2019 - 11:04

Condividi su:

Facebook Twitter
Durissimo scontro Salvini-Luxuria: volano parole grosse

L’attacco di Luxuria a Salvini è l’ultimo esempio in ordine cronologico. In vista delle elezioni europee del 2019, il leader della Lega ha deciso di allearsi con il partito di estrema destre nazionalista tedesco: Alternative fur Deutschland. L’ambiguità sta nel candidato di punta di quest’ultimo: Alice Weidel. Nelle scorse settimane Matteo Salvini ha partecipato al congresso delle famiglie a Verona. In quell’occasione aveva sostenuto fedelmente la famiglia composta da madre e padre. Aveva chiamato in causa Papa Francesco dicendo di essere d’accordo solo sulla sostanza e aveva attaccato con freddezza la maternità surrogata.

Loading...

Secondo il vice premier leghista “Ognuno nella sua vita privata fa quello che vuole e fa l’amore con chi vuole. Ma i bambini devono continuare ad avere un papà e una mamma, non genitore 1 e genitore 2″. Ha poi aggiunto critiche verso il premier Conte sulla questione delle adozioni e allo stesso Di Maio ha lanciato un’altra frecciatina: “Se parlare di papà mamme e figli significa essere sfigati, sono orgoglioso di essere sfigato”. Questo termine era stato utilizzato infatti dal vice premier pentastellato per definire la “destra di sfigati”.

loading...

“Volevo chiedere a Salvini se sa che la leader del partito di estrema destra, di Afd, Alice Weidel, ha una compagna, è dichiaratamente lesbica, cresce due figli, e ha detto che famiglia è dove ci sono dei bambini”. Queste le parole di Vladimir Luxuria in un’intervista per AdnKronos. L’attivista Lgbt ed ex parlamentare, di fronte all’ambiguo atteggiamento di Salvini, si interroga sulle motivazioni che possono averlo spinto ad agire in questo modo. Il vicepremier leghista, infatti, non ha mantenuto coerenza.

La sua mossa strategica prevede l’alleanza con Alice Weidel in vista delle elezioni europee di maggio 2019: si tratta forse di un tentativo per guadagnare voti? Alternative fur Deutschland, in effetti, è il partito tedesco che si presenterà alle europee di maggio a fianco della Lega.

Nata nel 1979, la Weidel è alla guida del partito nazionalista di estrema destra tedesco: Alternative fur Deutschland. Insieme a lei anche Alexander Gauland. Nel 2007 Alice è stata nominata candidata di punta del suo partito, con una maggioranza di 67.7% dei voti.

In occasione delle elezioni per il rinnovo del Bundestag, Alice è riuscita ad ottenere un seggio come candidata principale di Afd nel Baden-Württemberg. Riguardo le sue idee politiche, almeno per quanto riguarda i flussi migratori condivide le posizioni del vicepremier leghista. Per la questione della “famiglia naturale”, invece, ha una visione completamente opposta a quella dichiarata da Salvini a Verona.

HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati