Altro che cannabis, la vera emergenza in Italia è l’alcol: 435mila morti in 10 anni

di redazione

Altro che cannabis, la vera emergenza in Italia è l’alcol: 435mila morti in 10 anni

| giovedì 16 Maggio 2019 - 18:04

Condividi su:

Facebook Twitter
Altro che cannabis, la vera emergenza in Italia è l’alcol: 435mila morti in 10 anni

“La droga è un’emergenza nazionale: da domani darò istruzioni agli uomini della sicurezza per andare a controllare uno per uno i presunti negozi turistici di cannabis. Vanno sigillati uno per uno”, tuonava il ministro dell’Interno Matteo Salvini.A distanza di meno di 24 ore dall’annuncio di Salvini, nelle Marche i questori passano alle vie di fatto e a Civitanova Marche due negozi di cannabis legale vengono chiusi.

In serata arriva la direttiva e non prevede chiusure generalizzate, ma sollecita le questure a monitorare i requisiti delle rivendite sotto tutti i punti di vista. Un attento monitoraggio degli shop, una stretta sui controlli, verificando che non siano messe in vendita le “infiorescenze”, in “quantità significative da un punto di vista psicotropo e stupefacente”, evidenziando che l’obiettivo è la tutela della salute e dell’ordine pubblico. Ma nessuna chiusura. E proprio il vicepremier è tornato più volte su quella che lui stesso definisce “un’emergenza droga”, riferendosi al consumo di marijuana, a prescindere dal contenuto di Thc presente nella pianta.Ma siamo sicuri che in Italia sia questa la vera emergenza?

In verità, nel nostro Paese, la maggiore delle dipendenze è quella da alcol che rappresenta il primo fattore di rischio per la salute, dopo il fumo e l’ipertensione. Ed è stata la causa in dieci anni (2008-2017) di 435mila morti per patologie alcol-correlate, incidenti stradali, incidenti sul lavoro, incidenti domestici e omicidi o suicidi legati allo stato di alterazione psicofisica. A dirlo sono i dati dell’Osservatorio Enpam-Eurispes, che attraverso l’analisi e l’incrocio di diverse fonti statistiche hanno calcolato i decessi causati dall’alcol in Italia negli ultimi 10 anni. Si beve ovunque a qualunque ora, anche con pochi soldi, sempre più lontano dai pasti, e soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione.

L’Italia supera nettamente la media mondiale di un consumatore di alcol su tre: il 60 per cento degli italiani, infatti, consuma una o più dosi di alcol al giorno. Nel nostro Paese si contano 8,6 milioni di consumatori a rischio, 2,5 milioni dei quali anziani e 1,5 milioni adolescenti. Secondo l’Osservatorio Nazionale Alcol-Cneps dell’Istituto Superiore di Sanità i consumatori “dannosi”, che presentano problemi di salute conseguenti al consumo di alcol, sarebbero circa 700mila. È la precocità del debutto alcolico l’aspetto più preoccupante che emerge dalla ricerca. Il 15,8 per cento ha bevuto il primo bicchiere tra gli 11 e i 13 anni, e tra i maschi la percentuale sale al 20,5 per cento; un terzo della popolazione lo ha fatto tra i 14 e i 17 anni (33,5 per cento), per due su dieci il “debutto” è avvenuto tra i 18 e i 20 anni (20,1 per cento), il 12,4 per cento ha iniziato a bere dopo i vent’anni. Ha assunto alcol prima dei 10 anni il 3,8 per cento degli intervistati: in particolare al Nord-Ovest, dove si registra un numero di bevitori precoci superiore alla media che si attesta al 7,6 per cento.

In Italia, l’uso di sostanze alcoliche è tra le prime cause di morte tra i giovanissimi, spesso in seguito ad incidenti stradali.La netta maggioranza dei ragazzi beve alcolici (61,7 per cento): oltre la metà lo fa “qualche volta” (51,6 per cento), l’8,2 per cento “spesso”, solo l’1,9 per cento tutti i giorni. Se analizziamo le fasce d’età, scopriamo che tra gli 11-14enni prevalgono coloro che non bevono mai (64,8 per cento) e che tre su dieci lo fanno “qualche volta”; la situazione si capovolge tra i 15-18enni: il 65, per cento beve “qualche volta” e solo due su dieci sono astemi. La quota di ragazzi che non bevono mai risulta più elevata tra chi è nato all’estero (44,1 contro il 37,9 per cento).

Si inizia a consumare alcolici sempre più presto: più della metà dei ragazzi che ha confessato di fare uso di alcol, ha bevuto il primo bicchiere tra gli 11 e i 14 anni (52,8 per cento), più di un quarto dai 15 anni in su (26,9 per cento), e quasi due su dieci addirittura prima degli 11 anni (18,4 per cento). Il fenomeno della dipendenza da alcol ha molteplici origini, sulle quali i medici italiani hanno diverse opinioni: ma ce n’è una che li accomuna quasi tutti, la scarsissima correlazione tra emarginazione sociale e alcolismo. Infatti, solo il 5,3 per cento dei medici ritiene che la mancata inclusione sociale sia all’origine della dipendenza. Gli altri professionisti si dividono tra un 26,2 per cento che ricerca la causa nell’abitudine ad un consumo sregolato, un altro 23,1 per cento che considera depressione e ansia tra le principali cause, un 23,5 per cento secondo il quale l’alcol viene usato come “stimolante”, e un 21,9 per cento che vi legge un forma di imitazione verso modelli scorretti.

Loading...
HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati