Morgan: guardate in che condizioni vivo adesso. La sua vita dopo lo sfratto

di admin

Morgan: guardate in che condizioni vivo adesso. La sua vita dopo lo sfratto

| martedì 10 Settembre 2019 - 14:22

Condividi su:

Facebook Twitter
Morgan: guardate in che condizioni vivo adesso. La sua vita dopo lo sfratto
Loading...

Povero Morgan, dopo aver lasciato casa (forzatamente) da un atto del tribunale, ora sembra un’altra persona. Intervistato da i “Lunatici”, la trasmissione radiofonica di RaiRadio2, ha destato non poche preoccupazioni la nuova situazione psico-abitativa dell’artista.

Non si poteva non parlare di quanto gli è accaduto pochi mesi fa, con l’ordine di sfratto che lo ha costretto a lasciare la sua casa di Monza.
Non nasconde il dolore per la sua condizione: “Sto molto male, non sono più lo stesso. Uno non ci pensa, ma quello che mi è successo equivale a uno stupro. È identico”.

Loading...

Non usa troppi giri di parole, l’ex frontman dei Bluvertigo. Nel corso dell’intervista, spiega che l’episodio gli ha fatto perdere mola energia: “La casa è importante, è la più importante cosa che hai. Quando non sai ripararti dal freddo vai a casa e sopravvivi. Questo vale per tutti”.


Racconta anche di aver subito una svalutazione della sua casa: “Svenduta a 200mila euro, quando ha un valore di mercato pari a 700mila euro. Acquistata da un mitomane che ha voluto la mia casa”. Adesso Morgan “vive tra gli insetti”. Non nasconde le sue condizioni di indigenza e attacca il giudice che ha valutato il suo caso: “Ora sono in uno sgabuzzino a China town a Milano con un sacco di insetti. Non sto più lavorando, prima facevo un sacco di cose, ora non faccio più niente”.

Loading...


E  va duro sul giudice: “C’è un giudice che è il paladino degli sfratti. Peggio del giudice della canzone di De Andrè, che diventa giudice solo per poter mandare al patibolo la gente. I giudici dovrebbero giudicare, lo dice la parola stessa. Prendi una questione, ne valuti gli aspetti, pesi e capisci cosa pesa di più.

Non fai a priori tutto. Il giudice che ho incontrato io non è un giudice, è uno che non si sa perché è lì, è uno sbruffone. Dovrebbe sfruttare l’occasione per fare veramente il suo lavoro e pensare, ma evidentemente non ce la fa. Ora manderà tutto al macero”. Parole dure di un uomo davvero stanco e arrabbiato.

Loading...
Loading...
Loading...
HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati