In gruppo entrano al supermercato, riempiono i carrelli e pretendono di non pagare

di admin

In gruppo entrano al supermercato, riempiono i carrelli e pretendono di non pagare

| giovedì 26 Marzo 2020 - 17:30

Condividi su:

Facebook Twitter
In gruppo entrano al supermercato, riempiono i carrelli e pretendono di non pagare

In gruppo sono entrati nel supermercato e avrebbero riempito i carrelli con prodotti di ogni tipo e infine si sarebbero diretti verso l’uscita pretendendo di non pagare affatto perché impossibilitai a farlo. Agli addetti del supermercato no è rimasto altro da afre che chiamare le forze dell’ordine.

Sarebbero entrati nel supermercato in gruppo poi avrebbero riempito i carrelli con prodotti di ogni tipo e infine si sarebbero diretti verso l’uscita pretendendo di non pagare affatto perché impossibilitai a farlo.

È quanto sarebbe accaduto nel pomeriggio di giovedì in un supermercato della grande distribuzione a Palermo. Come racconta il Giornale di Sicilia, i cassieri e gli altri addetti del supermercato sono stati costretti a chiamare le forze dell’ordine che sono accorse in forze visto che nell’episodio sarebbero coinvolte almeno una ventina di persone con relativi famigliari che erano all’esterno.

Il caso ha riguardato il negozio Lidl di viale Regione Siciliana, nel capoluogo siciliano. Sul posto sono giunte diverse volanti dei carabinieri e della polizia di stato con il rinforzo di altri militari e agenti giunti coni furgoni che hanno cercato di ricondurre alla ragione i protagonisti della vicenda.

Il singolare episodio mentre la città siciliana è alle prese con l’emergenza coronavirus e le misure anti-contagio con file di persone in attesa fuori da tutti i negozi per fare la spesa. Secondo le prime notizie nella spiacevole vicenda sarebbero coinvolte alcune persone giunte appositamente presso il supermercato dall’hinterland di Palermo.

Nei giorni scorsi ad esempio è diventato virale un video girato nello stesso capoluogo all’esterno di un supermercato della medesima catena con lunghissime code che richiedevano anche un’ora di attesa per entrare.

HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati