“Ci fate male”, preti pedofili abusano di bimbi sordomuti tutte le notti

di admin

“Ci fate male”, preti pedofili abusano di bimbi sordomuti tutte le notti

| sabato 22 Giugno 2019 - 10:02

Condividi su:

Facebook Twitter
“Ci fate male”, preti pedofili abusano di bimbi sordomuti tutte le notti
Loading...

Don Eliseo Pirmati, accusato di pedofilia è sottoposto ad un mandato di carcerazione internazionale. E’ stato avvistato indisturbato camminare per Verona. Un mese e mezzo fa, quando la polizia argentina si è presentata alla sua residenza di La Plata per notificargli ed eseguire il mandato di cattura spiccato dal giudice Jorge Moya Panisellodon Eliseo Pirmati aveva già cambiato non solo aria ma addirittura continente. Perché il sacerdote veronese di 83 anni, che il 23 aprile scorso gli agenti sudamericani avevano l’ordine di accompagnare in carcere per aver abusato, secondo gli inquirenti argentini, di bambini e ragazzi (dagli 8 ai 17 anni) sordomuti nella sede dell’Istituto Provolo a La Plata, era nel frattempo già rientrato nella «sua» Verona.

Pirmati deve rispondere dell’agghiacciante accusa di pedofilia insieme a un altro religioso veronese, don Nicola Corradi, tra l’altro già ai domiciliari in Sudamerica dov’è in attesa dell’imminente avvio del maxi processo per le violenze denunciate dagli ex alunni della sede del Provolo a Mendoza, e a un guardiano del collegio, José Britez, anch’egli finito agli arresti. Di don Pirmati, però,oltreoceano non c’erano più tracce.

Loading...

Una «sparizione» che aveva indotto i magistrati argentini a spiccare d’urgenza contro di lui un ordine di carcerazione internazionale, chiedendone anche l’estradizione.

«Dagli 8 anni in poi, quei preti del Provolo di giorno ci trattavano da schiavi, sfruttandoci per lavori e pulizie fino a spaccarci la schiena dalla fatica. Di notte, poi, ci denudavano, si infilavano nei nostri letti, ci violentavano per ore, a turno. Ci facevano così male…».

Loading...

Dichiarato latitante, il sacerdote ricercato in tutto il mondo è stato ora «scovato» proprio a Verona: si pensava fosse in una casa di cura, si era ipotizzato che si trovasse ricoverato in qualche clinica, invece è stato avvistato mentre «camminava indisturbato per le strade della città», nonostante essere stato incriminato a La Plata per «abusi sessuali ripetuti e pluriaggravati, atti osceni e corruzione di minori». (Continua…)

Dopo 43 anni di missione in Argentina, è infatti emerso che don Eliseo nel dicembre del 2017 era tornato in Italia, stabilendosi proprio nella sede centrale dell’istituto Provolo a Verona, sede della Compagnia di Maria per l’educazione dei sordi, dove don Eliseo pare abbia stabilito la nuova residenza e dove frequenti la messa nella chiesa di Santa Teresa degli Scalzi. Don Pirmati ha sostenuto di non conoscere i provvedimenti delle autorità argentine e ha negato ogni coinvolgimento: “Non so niente, non c’entro niente, sono un uomo qualunque della strada”». Credits Immagine: Repubblica

Loading...
Loading...
Loading...
HOW TO DO FOR
©How To Do For - Tutti i diritti riservati